Il Barocco dei Marmi Mischi

Questa decorazione, in uso soprattutto nella Sicilia occidentale tra XVII e XVIII secolo, è una raffinata tecnica di tarsie marmoree. Un forte incentivo allo sviluppo di tale arte fu la presenza in Sicilia di numerose varietà di marmi pregiati, noti fin dall’antichità: rossi di Castellammare, di San Vito e di Piana dei Greci, gialli di Castronovo e Segesta, grigi di Billiemi ed Erice, nonché marmi brecciati policromi come il libeccio, proveniente dalle cave del trapanese. Per l’esecuzione di una tarsia a mischio veniva usata una lastra di base, generalmente in marmo bianco, spessa da 4 a 8 centimetri. In questo spessore venivano ottenuti gli alveoli, nei quali si incastravano le sottili lastre policrome. Gli elementi bianchi delle lastre a mischio sono dunque le parti non scavate della lastra di base. Quando i pezzi policromi da inserire non combaciavano perfettamente con l’alveolo destinato ad alloggiarli, si provvedeva a riempire i vuoti con stucchi colorati, che imitavano le tonalità del marmo. Infine le tarsie marmoree venivano livellate con la pietra pomice, affinché la lastra apparisse liscia e omogenea.

Chiesa e monastero di S. Caterina d’Alessandria

Indirizzo:
Piazza Bellini, 2, 90133 Palermo, PA, Italia
Da non perdere:

Visita al chiostro e alle terrazze, con vista a 360° e un assaggio dei dolci nell’antica dolceria del monastero

La chiesa, capolavoro del barocco palermitano, è decorata con pregevoli marmi mischi che esaltano la figura delle vergini consacrate a Cristo. Venne realizzata nel XVI sec. per le monache domenicane dell’annesso monastero di clausura. All’interno pregevoli opere di Giovan [...]

Chiesa di S. Maria dell’Ammiraglio (Martorana)

Indirizzo:
Piazza Bellini, Palermo, PA, Italia
Da non perdere:

Mosaico delll’incoronazione di Ruggero II

Edificata nel XII sec. da Giorgio d’Antiochia, ammiraglio del re Ruggero II, venne annessa nel XV sec. al vicino monastero benedettino e subì diverse modifiche. La chiesa è un mix unico di mosaici bizantini, affreschi attribuiti a Guglielmo Borremans [...]